L'Ordine Certosino

Giornata tipica d'una monaca certosina

Studi, lavoro, lectio divina

il cuore e l’intelligenza cercano il Signore.

Lectio divina

Dio ci parla nella Bibbia. Perciò la monaca medita senza posa la Sacra Scrittura fino a che essa diventi parte del suo stesso essere. Attraverso la lectio divinaossia lettura orante della Parola di Dio depositata nella Bibbia, entra in comunione con Cristo e Cristo le rivela il Padre.

« Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui » (Gv 14,23).

Come Maria che conservava con cura tutti i suoi ricordi e li meditava nel suo cuore, la monaca si immerge nella Parola di Dio, in ascolto di ciò che lo Spirito le vuole dire, a lei, attualmente.

In cella, dopo aver celebrato l’ufficio di Terza, la monaca conversa consacra una mezz’ora alla lectio divina per poter vivere la Parola di Dio durante tutta la giornata.

Étude

Studi

Dopo un’ora di lectio divina, la monaca del chiostro si dedica allo studio o al lavoro manuale nell’ambito della cella.

Per un anno e mezzo le novizie fanno soprattutto studi biblici e monastici; la teologia dottrinale e morale viene in seguito. Questi studi sono più o meno approfonditi secondo le esigenze di ciascuna. Essi preparano ad una lettura fruttuosa della Parola di Dio. In solitudine non si legge per informarsi di tutte le nuove idee, ma per nutrire la fede nella quiete e sostenere la preghiera. La lettura, sapientemente regolata, dà maggior vigore all'anima e offre fondamento alla contemplazione.

…Anche il corpo vi partecipa

La monaca conversa lavora in una obbedienza. Chiamiamo «obbedienza» l’incarico affidato ad una monaca e, per estensione, il luogo ove ella lo svolge. Per esempio, se una sorella ha l’obbedienza di preparare i pasti, la cucina è la sua obbedienza. Per permettere loro di vivere meglio la loro vocazione, i lavori delle monache converse sono distribuiti in modo che ciascuna, per quanto possibile, lavori da sola, anche se sono in diverse nella stessa obbedienza. Che lavino i piatti o puliscano legumi, che scelgano frutti o coltivino un giardino, questo lavoro può diventare l’espressione della loro comunione con il Figlio di Dio nel suo amore per il Padre e per gli tutti uomini.

Cuisine Rucher
© 1998-2019 L'Ordine Certosino • Informazioni legaliContatti